Siamo stati al corteo “no carbonext” di Luagagnano Val d’Arda…

2015-05 corteo lugagnano 2

Domenica scorsa siamo stati al corteo contro il “carbonext” a Lugagnano Val d’Arda, in provincia di Piacenza.

Come NAP abbiamo deciso di prendere parte, insieme a una delegazione del S.I.Cobas, a una mobilitazione che si è andata alimentando negli ultimi due mesi fra tam tam virtuale e incontri preparatori nella meravigliosa vallata piacentina dove insistono altri comuni importanti come Fiorenzuola, Castellarquato e Vernasca.

Abbiamo quindi deciso di prendere parte a questo percorso collettivo specchio delle contraddizioni dell’Italia Renziana. Una bellissima vallata rischia di venire violentata dalla sete di profitto privata, il tutto grazie al “decreto sblocca Italia” che autorizzerebbe l’incenerimento di svariati materiali inquinanti all’interno dell’altoforno di un cementificio già esistente.

La mobilitazione ha preso il via dall’attenzione di alcuni medici piacentini, ed ha avuto un doppio architrave organizzativo, almeno nelle sue fasi iniziali: da un lato Legambiente e dall’altro Coldiretti, toccata direttamente nelle tasche dai rischi per le coltivazioni.

Un duopolio quindi foriero di potenziali contraddizioni, che siamo tuttavia determinati ad agire considerata l’importanza della posta in gioco e la dimensione realmente popolare che abbiamo potuto osservare.

Oltre 1.500 persone sono infatti sfilate in corteo, con bambini in testa, a rivendicare un futuro libero dai danni alla salute che la nuova “mission” dell’impresa Buzzi-Unicem, di cui non dimentichiamo è stata in ruoli apicali l’ex ministro Fornero, produrrebbe.

Il nostro spezzone era aperto dalle bandiere No Tav, a testimoniare quella rete di Resistenze che sta attraversando il nostro paese e nello scorso week end ha visto, oltre al corteo piacentino, anche la sfilata pavese contro l’inceneritore e i 60.000 in marcia per dire “no Ombrina”.

Dalla Val Susa alla Val d’Arda il coro contro la mercificazione dei territori è uno solo: a sarà dura! (o se preferite, alla piacentina, la serà dura!)

3 commenti su “Siamo stati al corteo “no carbonext” di Luagagnano Val d’Arda…”

    1. Grazie mille per la delucidazione…non volevamo mancare di rispetto ci era sembrato che quelli fossero i due “poli” maggiori ma da ora in poi allora scriviamo ai contatti che ci hai lasciato! Abbracci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *