Venezuela: link ad approfondimenti oltre il livello imbarazzante della TV

1493142763182.jpg--

Parlare della crisi in atto in Venezuela non è facile: da un lato si tratta di uno scenario che mi ha sempre affascinato, sin da piccolo, per la dinamizzazione impressa su scala continentale e globale al contrasto dell’ordoliberismo. Dall’altro, cerco sempre di astenermi dal prendere posizioni su contesti che, sebbene studiati, non ho esperito in prima persona (a differenza del medio oriente ad esempio).

Provo quindi a fare un lavoro di sintesi che parta dal mio vissuto personale. Dato che esprimere “di che cosa sono a favore” mi risulta più complesso del suo contrario, parto quindi dicendo a cosa sono “sicuramente contro”:
Sono contro all’opposizione istituzionale e sbirresca a Maduro, alla loro schifosa voglia di reazione, ai loro privilegi purtroppo quasi illesi dopo 18 anni di chavismo (che stia tutto li il problema?), alle loro televisioni (perché fa ridere Tele Sur, ma è una contro sette…), alla loro violenza che arriva a bruciare decine di chavisti in piazza, alle loro provocazioni e ai loro assalti armati alle cooperative, agli alti prelati che li benedicono nelle loro ville, alle manovre yankee sempre presenti, alla “confindustria” locale che già guidò un golpe nel 2002, alla puzza di Pinochet che da sempre contraddistingue le destre dei paesi sudamericani e del Venezuela in particolare. E sono contro ai tg e ai governi italiani, che non si fanno vergogna degli affari con le peggiori dittature vicine a Isis in medio oriente ma affrontano in modo schifosamente schiacciato sulla Confindustria venezuelana il tema del paese laticonoamericano. Che esultano per ogni arresto di compagno impegnato in lotte e resistenze sociali ma si strappano capelli per i domiciliari ai capi dell’opposizione venezuelana golpista. Vomito proprio.

Allora sono un fan di Maduro? Ecco, credo che qua la risposta sia più complicata. Perché se la scelta fosse binaria fra questi due contendenti, allora lo sarei. Ma la realtà, ahinoi, è complessa.
Sono sicuramente a favore del colossale processo di emancipazione innescato nel 1999 dal Chavismo, questo sì. Ma credo che i suoi limiti e contraddizioni diano ben donde anche a componenti “compagne” di essere incazzati. Incazzati, magari con sacrosante ragioni, ma senza reale potere di costituire un’alternativa fuori dal percorso del Chavismo, temo.

Personalmente, ho compagni o riferimenti culturali che pendono da entrambe le parti (“continuità sì” – “continuità no”), e credo che la cosa migliore sia dunque dare spazio ai loro approfondimenti, davvero ben curati, in modo che ognuno possa elaborare una propria posizione.

Come cappello introduttivo metto però un altro pezzettino di esperienza personale, ovvero le opinioni scambiate direttamente con persone sudamericane o di origine sudamericana.

Da sempre ho una carissima amica mezzo venezuelana, di quelle proprio così intime che mai ne potrei dir male, e tempo fa scambiai due chiacchiere sul tema. Persona di cultura fine, di famiglia antichavista, le era assolutamente chiaro il portato positivo di alcuni aspetti del Chavismo. Tuttavia, mi sottolineava come le modalità di consolidamento del potere utilizzate da Chavez (anche prima del fallito golpe fascista del 2002) avessero involontariamente polarizzato a livello estremo la società venezuelana, il che obbligava la risicata classe media locale (cui appartiene la sua famiglia) a una scelta di campo in cui l’opzione anti-chavista costituiva la scelta dettata dalla paura dell’autoconservazione ma comunque più plausibile. Persone semplici, lavoratori, non i grandi latifondisti e cardinali che ho detto di odiare in apertura. Ciò sicuramente è un elemento su cui riflettere, anche alla luce delle (necessarie?) torsioni semi-autoritarie che legittimamente spaventano chi segue la politica per propri principi e non per un impellente necessità materiale di sopravvivenza. Settori con cui, anche qui in Italia, dobbiamo assolutamente relazionarci!

Questa la sua posizione “a spiegazione” dell’opposizione non ricca a Chavez. Di tutt’altro segno invece le chiacchiere scambiate con i facchini S.I.Cobas di emigrazione sudamericana. Tutti, e dico tutti, a sostegno del percorso bolivarista anche quando non venezuelani. Chi cita le misure sociali adottate dal proprio paese grazie ai prezzi sul petrolio che in alcuni periodi Chavez è riuscito a imporre, tutti a esaltare il ciclo virtuoso avviato insieme a Cuba da Chavez che ha permesso di portare vaccinazioni di massa e assistenza sanitaria a milioni di proletari che ne erano scoperti. Mediamente (ma non sempre) si tratta di persone meticce con un grado di istruzione inferiore alla mia amica bianca, ma decisamente infuse di coscienza operaia.
Un contrasto, questo, che non posso aggirare nel dare una valutazione, senza farne un totem.

Fatta questa indegna premessa a un tema così importante, lascio la parola ai contributi di cui parlavo, invitando a leggerli tutti con attenzione.

Solo un’ultima precisazione: come dice uno di questi articoli, sono convinto che ogni compagno debba pensare che “Noi che da comunisti a questa categoria del dominio occidentale, quella di democrazia, mai ci siamo sentiti affezionati una seconda cosa ci sentiamo di dirla: non è perché rappresenti un’eccezionale prova di democrazia che l’insediamento dell’assemblea costituente risulta un passaggio politico legittimo nello scontro politico-istituzionale. Il discorso sulla democrazia, che per le establishment occidentali serve a screditare Maduro, quando imbracciato dai partigiani di sinistra finisce per delegittimare l’esistenza di un conflitto irriducibile e la scelte operate nel contesto della sua interpretazione politica” .

DI SEGUITO I LINK:
https://www.carmillaonline.com/2017/08/02/autonomia-classe-venezuela/

http://www.infoaut.org/conflitti-globali/eletta-l-assemblea-costituente-venezuelana-l-exit-strategy-di-maduro-alla-crisi-interna
https://cronachelatinoamericane.wordpress.com/2017/04/10/venezuela-tra-resistenza-e-repressione/

https://cronachelatinoamericane.wordpress.com/2017/07/10/venezuela-perche-non-scendono-dalle-colline/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *