Sciopero generale: da Piacenza in 200 in manifestazione e adesione nei magazzini all’80%

22730200_1945112955712444_8674125113320672627_n

Da Piacenza una risposta straordinaria alla chiamata di sciopero generale di Venerdì 27. Adesione all’80% in parecchi magazzini (in particolare quelli delle maggiori multinazionali del trasporto merci). Grande anche la prova di mobilitazione: 4 pullman per un totale di 200 persone diretti verso la manifestazione di Milano.
Tutti ragazzi e ragazze giovanissime, che hanno ribadito (a maggior ragione dopo l’onta dell’iniziativa organizzata dalla Lega Nord con “defende europe”) come Piacenza sia la patria dell’antirazzismo e della dignità operaia.
Bianchi e neri che lottano uniti per i diritti di tutti, la migliore e più concreta risposta al razzismo di pancia sparso ad arte per tenere buoni gli fruttati di questo paese ed indirizzarli su falsi nemici.

Nonostante la sordina mediatica posta dai mass media di regime, nonostante l’atteggiamento terroristico che i lavoratori hanno dovuto subire su molti posti di lavoro, nonostante la parziale precettazione che il Governo ha lanciato sui lavoratori del trasporto lo sciopero generale del 27 Ottobre indetto dal S. I Cobas, Cub, Usi, Slai Cobas e Sgb é stato un successo con migliaia di lavoratori del pubblico e del privato in sciopero e partecipatissimi cortei e manifestazioni da Milano a Bologna, da Napoli a Roma. Un’intensissima giornata di lotta che fin dall’alba ha visto picchetti e presidi davanti a fabbriche e magazzini di tutto il paese, dando forza e forma unitaria a quelle centinaia di vertenze e lotte operaie sparse per tutto il territorio nazionale. La forte partecipazione operaia – ma anche degli occupanti casa, disoccupati, studenti, ecc – ai cortei e manifestazioni che si sono sviluppate nelle principali città e realtà produttive danno il segno della forza di una giornata di lotta che non può rappresentare un momento a sé, ma il primo rilancio di una lotta più complessiva contro lo sfruttamento, le politiche anti -operaie e razziste di questo governo, attacco al diritto di sciopero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *