Elezioni a Piacenza: mai cosi tanto distacco dalle istituzioni!

become-ungoer

Con questa tornata elettorale, Piacenza si allinea a un trend gia’ consolidato a livello nazionale.
Il segno distintivo e’ il distacco fra istituzioni e popolazione. Dopo essersi contraddistinte per una violenza antiproletaria senza eguali negli ultimi anni, le istituzioni locali sono sempre piu’ campo di contesa per una ristretta cerchia elitaria di “salvati” dal massacro sociale, con una fetta di “sommersi” ormai irrecuperabile, se non in minima parte, dai meccanismi di amicizia-clientelismo-conoscenza che vigono a livello di voto amministrativo.

Da destra a sinistra, i partiti escono debolissimi quando non assenti e divorati di fatto dalla cultura cittadinista delle liste civiche, e gia’ questa loro perdita di credibilita’ costituisce la premessa per il piu’ generale sfondamento del rifiuto di partecipare.

Nel merito delle varie posizioni poi, ulteriori conferme dell’allineamento ai trend nazionali con:

-una destra in cui a farla da padrone sono le componenti piu’ becere e demagogiche, all’insegna delle frottole sulla sicurezza e gli accanimenti antioperai di alcuni candidati leghisti;

-una sinistra priva di riferimenti nei movimenti sociali cittadini e sganciata dalla questione sociale, esito prevedibile della rottura maturata anni addietro rispetto ai conflitti operai nel polo logistico e sfociata in una trasformazione in “rappresentanza delle istanze borghesi di sinistra”, fortemente improntata a temi civilisti;

-un grande centro in cui l’interprete principale, il PD, paga l’aver perseguito come a livello nazionale delle politiche economiche di destra (fra un originale e la sua copia, e’ sempre premiato l’originale);

-i cinque stelle privi a livello locale di credibilita’ e di quella capacita’ di recupero e controllo del malessere sociale che a livello nazionale e’ in parte garantito dal carisma di Grillo.

Tutto molto banale quindi, e tutto anche molto triste.

Nonostante il marginale recupero di astensionisti effettuato dalle singole liste (vale dalla sinistra alla destra) grazie ai vincoli di conoscenza, quindi, a uscire trionfante è il disamore verso un’istituzione sempre più priva di legittimità. Mai cifre così alte di astensione, mai un rifiuto così esplicito da parte degli aventi diritto al voto.

Ai movimenti sociali il compito di approfondire il solco della nemicita’ con un’istituzione mai come ora priva di legittimita’ popolare (i dati sono incontrovertibili: chiunque di fronte a questi numeri rivendicasse un “buon risultato” farebbe ridere i polli). Un solco già ora enorme, se è vero che mentre i candidati sudavano davanti agli exit pool il cuore e le attenzioni dei movimenti sociali erano orientati sulla Bologna dove, a pochi chilometri di distanza e coinvolgendo fratelli e sorelle di tante battaglie di questi anni, andava in scena un ulteriore slittamento in avanti in termini repressivi orchestrato dalla questura sfruttando la scusa del “G7″ organizzato in città.

Niente e’ per sempre, e questo regime dei (sempre piu’) pochi, della repressione, del massacro sociale un giorno, magari fra tanti anni, finira’. Scarpe rotte eppur bisogna andar!

MINNITI NON SEI IL BENVENUTO A PIACENZA!

la-nuova-polizia_copy

Oggi, senza paura di vergogna, il PD piacentino ha organizzato un’iniziativa in supporto del suo candidato sindaco Rizzi invitando il ministro su cui gravano le peggiori responsabilità morali dell’intero governo piddino: il fascista Minniti.

Il ministro della repressione è venuto a presentare il vomitevole contenuto dei suoi decreti, con tanto di approfondimento su temi come l’arresto in flagranza differita e il DASPO urbano, misure esplicitamente studiate per evitare qualsiasi movimento sociale di protesta e restringere ulteriormente l’agibilità politica nel nostro paese.

Forse consci della vergogna di invitare un simile personaggio, i piddini locali hanno ben pensato di far uscire solo all’ultimo la notizia, e siamo stati solo in una ventina a trovare il modo di liberarci all’ultimo per preparare una degna accoglienza.
Immediatamente allontanati dalla DIGOS (alla faccia dell’iniziativa pubblica!) abbiamo quindi preferito optare per farci un giro per il centro cittadino eludendo il dispositivo repressivo immediatamente predisposto, con un ridicolo e sproporzionato schieramento di blindati che ha ingolfato il traffico cittadino e creato non pochi disagi a residenti e lavoratori.

Non paghi, i tutori dell’ordine (ma è chiaro che la responsabilità ricade interamente sulla spalle di chi propone simili provocazioni politiche, il PD) hanno finito la giornata intimidendo una parte dei sopraggiunti con identificazione coatta (in assenza di reato), forse sperando che questo possa in qualche modo dissuaderli dall’impegno politico (ovviamente avverrà il preciso opposto).

Una volta di più, la chiara divisione fra una parte di città sana e un apparato repressivo intollerante non solo a eventuali contestazioni, ma anche al mero dialogo “democratico” da essi stessi sbandierato. Quella stessa ottusità che ha già portato al morto grazie alle retate razziali-etniche predisposte da Minniti nelle varie stazioni in ossequio al principio di criminalizzazione delle marginalità sociale.

Minniti, torneremo, PD, non ti daremo tregua! Intanto chi ha diritto di voto ragioni se aiutare ancora forze politiche di tale fattura o se darsi una svegliata e iniziare a lottare per una vita degna e libera!

Intervento cc 28-04 (ultimo!) su bilancio di dieci anni di consiglio comunale

Questo è il mio ultimo intervento, almeno per qualche anno, in consiglio comunale. “le lotte in comune”, campagna che portò alla mia rielezione a servizio del nuovo movimento operaio cittadino, vanno momentaneamente in vacanza. O almeno…tornano nelle strade, dalle quali peraltro non se ne sono mai andate.
Come ho sempre detto, infatti, la politica è costruzione e organizzazione del rapporto di forza per il proprio blocco sociale. In questi anni mi sono dedicato con ogni energia a questo obiettivo, ritenendo il passaggio nelle istituzioni come un servizio di rappresentanza a quel movimento. Quel movimento ora va con le sue gambe, e sarebbe anacronistico ricandidarsi per partecipare alla vita di istituzioni che ritengo oggi nemiche della mia classe, e peraltro prive di credibilità (basti vedere i miei atti votati e mai applicati).
Per questo non voterò alle prossime elezioni comunali, non vedendo in nessun candidato in campo lo stesso spirito che mi animò, lo stesso rapporto con le istituzioni e la stessa chiarezza nelle posizioni politiche.
La vita è lunga e non escludo che le circostanze possano portare me o qualcuno della mia comunità politica a concorrere nuovamente, fra qualche anno, al gioco elettorale. La mia non è una contrarietà ideologica ma un rapporto strumentale, nella scia dei bolscevichi pre-rivoluzione d’ottobre o dei curdi i Turchia.
Con calma, anche il sito subirà un restyling per divenire piattaforma al servizio della mia comunità politica, che ultimamente è cresciuta davvero tanto e può iniziare ad avere realmente un peso sullo scenario cittadino.
Chi volesse parteciparvi è sempre il benvenuto: avere posizioni radicali e antagoniste è qualcosa che, ce lo insegnano la Resistenza e il movimento No-Tav, non ha età e in cui chiunque può trovare il modo di dare un contributo. Non conta quanti “scontri di piazza” abbiate fatto o siate disposti a fare, ma quanto siete disposti a mettervi in gioco per mettere a frutto le vostre capacità in un’intelligenza collettiva che produca avanzamenti per chi subisce le ingiustizie di questo mondo martoriato.
Stay rebel!

2017-04 intervento cc 28-04 su bilancio di dieci anni di consiglio comunale